Scoiattoli

ALLA SCOPERTA DEI 4 ELEMENTI

 

“Giochiamo con l’acqua, l’aria, la terra ed il fuoco … diventiamo pittori … artisti.

 Interpretiamo i 4 elementi attraverso un mondo di colori e di emozioni per guardare la realtà con occhi diversi ed osservare le cose con un po’ di curiosità in più”

 

PREMESSA 

La consapevolezza che nei bambini della scuola dell'infanzia sia necessario diffondere la passione per l'indagine e il piacere della scoperta, con una ricca offerta di esperienze, via via più complesse, di esplorazione e di riflessione, ci ha spinto all'elaborazione di un percorso didattico formativo, ispirato alla conoscenza dei quattro elementi della natura, che consenta ai piccoli di esercitare le naturali abilità di osservazione e ricerca dei "perché", trasformandole in consolidate competenze scientifiche. La scelta argomentativa è giustificata dal fatto che gli elementi naturali costituiscono ottimi spunti di indagine, svolgendo un ruolo importante nella nostra vita quotidiana, dal momento che tutto contiene uno o più elementi contemporaneamente, che si collegano tra loro pur mantenendo, ciascuno, le proprie caratteristiche ben distinte: 

  • L'aria è un dono prezioso e ci permette di vivere, ma non si tocca e non si vede ed è tutta da scoprire;

  •  Il fuoco è un elemento naturale poco conosciuto dai bambini a causa della sua pericolosità, ma è fonte di calore e di energia;

  • L'acqua è, forse, l'elemento naturale preferito dai bambini per le sensazioni che provoca e per la varietà di esperienze che offre;

  •  Il lavoro sulla terra prevede per i piccoli un approccio essenzialmente manipolativo e senso-percettivo;

Gli elementi naturali fanno parte della nostra vita fin da quando rivolgiamo il primo sguardo al mondo. Veniamo a contatto con l’acqua in ogni momento della giornata dalla semplice azione di bere a quella del bagnetto. Sentiamo l’aria sul nostro viso e sappiamo che è abitata da tanti animaletti che vediamo girarci attorno. Sulla terra ci si cammina e prima ancora ci si gattona. Il fuoco lo vediamo molto volentieri quando dobbiamo spegnere le candeline su di una bella torta di compleanno. La motivazione dell’argomento scelto nasce dall’esigenza di fornire risposte stimolanti ed adeguate alle curiosità tipiche del bambino.

FINALITÀ 

Per i bambini scoprire ciò che li circonda è sempre un'avventura magica e piena di risorse. Il contesto nel quale la scuola si trova offre sempre numerosi stimoli da tanti punti di vista. In questo progetto accompagniamo i bambini a scoprire la natura in chiave scientifica, attraverso la metodologia della ricerca, dell'azione, della sperimentazione, portandoli a ipotizzare e verificare il perché, il come e il quando si manifestano certi fenomeni, a osservare i cambiamenti e le trasformazioni che si determinano nella natura. Partendo da questi presupposti proponiamo esperienze e favoriamo opportunità di osservare la realtà in modo divertente e coinvolgente, in particolare:

La terra è ricca di fascino e concretezza e saprà offrire spunti conoscitivi e di scoperta che il bambino potrà osservare nella realtà.

L’acqua offre al bambino spunti per soddisfare il suo desiderio di manipolazione, offrendo svariate possibilità di gioco che lo aiutano a capire e comprendere.

L’aria non è subito percepita dal bambino, ma sarà compito della scuola condurre a tale conoscenza attraverso strumenti di osservazione diretta e di esperienza della sua esistenza.

L’attività della scoperta del fuoco, impegnerà l’insegnante nel condurre il bambino alla conoscenza di un mondo affascinante, ma anche pieno di misteri e di paure.

 

OBIETTIVI GENERALI 

  • Avvicinare i piccoli alla natura, ai suoi ritmi, ai suoi tempi, alle sue manifestazioni. 

  • Conoscere le caratteristiche di terra, aria, acqua e fuoco. 

  • Trovare un ambiente da esplorare, manipolare, rispettare e amare. 

  • Passare dall’esplorazione senso-percettiva alla rappresentazione simbolica.

  • Utilizzare diverse tecniche espressive e comunicative. 

  • Sviluppare la capacità di lavorare in gruppo e cooperare.
     

NUCLEI DI APPRENDIMENTO 

  • ACCOGLIENZA (mese di settembre)

  • L’ACQUA ( mese di ottobre e novembre)

  • IL FUOCO (mese di gennaio e febbraio)

  • LA TERRA (mese di marzo e aprile)

  • L’ARIA (mese di maggio)

  • IRC (tutto l’anno): 

        - Natale (mese di dicembre)

        - Pasqua (mese di marzo e aprile )

  • CARNEVALE (mese di febbraio)
     

ACCOGLIENZA 

L’ingresso nella scuola dell’infanzia dei bambini nuovi inseriti costituisce una tappa fondamentale di crescita. Per i bambini di 3 anni si tratta del loro ingresso in un contesto sconosciuto e rappresenta un momenti di crisi, di crescita e di passaggio ad una vita più autonoma. 

È l’inizio di un cammino nuovo e rappresenta nella maggior parte dei casi la prima vera esperienza nel sociale, che vede il bambino coinvolto in un ambiente nuovo e in relazione con persone che non appartengono al suo contesto famigliare. Per questo l’ingresso coinvolge le sfere più profonde dell’emotività e dell’affettività. È un evento atteso ma anche carico di paure per il distacco dalla famiglia e per il fatto di trovarsi in una comunità con persone e regole spesso sconosciute. 

In questo periodo il bambino svilupperà il senso dell’identità personale e si confronterà e interagirà con gli adulti e con gli altri bambini. In questo periodo i bambini realizzeranno un piccolo dono da donare ai propri nonni.

 

OBIETTIVI

  • Il bambino stabilisce un rapporto sereno con l’ambiente

  • Il bambino individua nell’insegnante un adulto di riferimento

  • Il bambino inizia a sviluppare il senso della propria identità

  • Il bambino inizia ad interagire positivamente con i pari 

  • Il bambino accetta il distacco dai genitori

  • Il bambino esplora l’ambiente scuola 

  • Il bambino conosce e rispetta semplici regole

  • Il bambino riconosce l’appartenenza ad un gruppo

 

L’ACQUA

Incontreremo la FATA GOCCIOLINA un personaggio che ci aiuterà nella scoperta di questo elemento. In particolare osserveremo e conosceremo l’acqua:  

  • A cosa serve? Scopriamo i suoi usi nella quotidianità; 

  • Colore, sapore, odore dell’acqua 

  • Coloriamo l’acqua e usiamo l’acqua per colorare 

  • Cosa galleggia e cosa non galleggia nell’acqua

  • Il ciclo dell’acqua : temperatura, trasformazione in vapore acque, la pioggia

  • I paesaggi con l’acqua 

  • Chi abita nel mare? Scopriamo gli animali marini. 

  • Chi lavora con l’acqua?

 

OBIETTIVI

  • Scoprire e interpretare le caratteristiche  dell’ acqua

  • Partecipare e intervenire in modo pertinente alla conversazione

  • Arricchire il linguaggio verbale ed espressivo

  • Sviluppare atteggiamenti di collaborazione con gli altri

  • Scoprire il percorso naturale dell’acqua 

  • Ricordare e verbalizzare le azioni che si compiono con l’acqua nell’arco della giornata 

  • Scoprire le caratteristiche dell’acqua usando i sensi 

  • Scoprire le caratteristiche dell’ambiente mare.

  • Acquisire responsabilità ecologica mediante un uso corretto di questo elemento primario

 

IL FUOCO  

Incontreremo la FATA FIAMMETTA, che ci guiderà alla scoperta del fuoco. In particolare conosceremo: 

  • Le caratteristiche, la funzione e la pericolosità 

  • I colori del fuoco

  • La luce e l’ombra

  • Che cosa è fatto di fuoco (sole, stelle)

  • Gli incendi e il lavoro dei vigili del fuoco

 

OBIETTIVI 

  • Conoscere le caratteristiche, le proprietà, l’utilità e il pericolo dell’elemento fuoco

  • Osservare e descrivere fenomeni ed eventi

  • Sviluppare la capacità di lavorare in gruppo e cooperare

  • Rielaborare le esperienze vissute attraverso le attività artistico espressive e manipolative

  • Immaginare delle soluzioni, elaborare idee e discuterle

 

LA TERRA

Con la FATA PRATOLINA andremo ad esplorare la terra:

  • le caratteristiche (odore, colore ) attraverso i sensi

  • la crescita di una piantina 

  • l’importanza delle piante

  • il lavoro del contadino

  • i doni della terra 

  • l’importanza del riciclo dei rifiuti

  • gli abitanti del terreno 

 

OBIETTIVI

  • Attivare atteggiamenti di osservazione, di ricerca e di rispetto verso la natura.

  • Individuare posizioni nello spazio. 

  • Intuire attraverso i sensi, somiglianze, differenze, che caratterizzano i diversi tipi di terra. 

  • Favorire processi d’interiorizzazione di causa-effetto e di sequenze temporali.

  • Conoscere e manipolare la terra  

  • Fare esperienze sensoriali per esplorare l’ambiente circostante

  • Verbalizzare le conoscenze acquisite

  • Sperimentare la creatività utilizzando elementi e materiali naturali
     

L’ARIA

Con la FATA NUVOLINA, voleremo alla scoperta dell’aria intorno a noi: 

  • a cosa serve l’aria

  • aria calda e aria fredda

  • la respirazione 

  • il vento e gli strumenti per fare aria

  • esprimenti con l’aria

  • l’aria inquinata

  • cosa vola in cielo?

  • chi vive in cielo? 

  • le nuvole, di cosa sono fatte?
     

OBIETTIVI

  • Esplorare le caratteristiche dell’elemento aria

  • Osservare e descrivere fenomeni ed eventi

  • Sviluppare la capacità di collaborare in vista di un fine comune 

  • Scoprire libri, racconti e immagini sull’argomento 

  • Saper raccontare le esperienze compiute 

  • Sperimentare tecniche grafico-pittoriche 

  • Esercitare le abilità manipolative e costruttive

  • Rielaborare graficamente le situazioni vissute e gli esperimenti realizzati

  • Esprimere interesse e curiosità

 

METODOLOGIA

 Il percorso si articola con un metodo comune a tutti gli elementi trattati e che consiste in: 

  • osservazione, esperienza, ricerca, scoperta 

  • laboratorio esperienziale

  • gioco psicomotorio

  • produzione grafica

  • produzioni di oggetti

  • supporto di fiabe, poesie, filastrocche

  • lettura di immagini e conversazioni

  • restituzione verbale

  • documentazione del lavoro

 

Il bambino sarà stimolato: ad esplorare e conoscere i 4 elementi, ad elaborare in senso critico, ad affinare il senso estetico e cromatico, incoraggiato e indirizzato alla scoperta e conoscenza del proprio mondo e territorio, attraverso l’incontro con la realtà e la fantasia, ad interpretare dati e materiali raccolti. Tutto ciò lo renderà soggetto attivo nelle esplorazioni ed esperienze didattiche , che risulteranno altamente motivanti e suggestive. I bambini sperimentando, potranno acquisire una forte consapevolezza di queste sostanze così quotidiane eppure spesso sconosciute. Dopo un primo approccio da spettatori, diventeranno i protagonisti di esperienze e di scoperta di fenomeni, grazie ai quali esiste la vita.

VALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI 

La valutazione dell'avvenuto raggiungimento degli obiettivi prefissati avverrà nel seguente modo: 

  • osservazione iniziale e in itinere per rilevare difficoltà, potenzialità e bisogni formativi di ogni bambino. 

  •  verifica finale: l'insegnante predispone o ripropone alcune attività per verificare gli apprendimenti avvenuti o meno. 

PROGRAMMAZIONE IRC – INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA 

Le attività di insegnamento della religione cattolica offrono occasioni per lo sviluppo integrale della personalità dei bambini, aprendo alla dimensione religiosa e valorizzandola, promuovendo la riflessione sul loro patrimonio di esperienze e contribuendo a rispondere al bisogno di significato di cui anch’essi sono portatori. Per favorire la loro maturazione personale, nella sua globalità, i traguardi relativi all’Irc sono distribuiti nei vari campi di esperienza.

Di conseguenza ciascun campo di esperienza viene integrato come segue:

  • Il sé e l’altro: scopre nei racconti del Vangelo la persona e l’insegnamento di Gesù, da cui apprende che Dio è Padre di tutti e che la Chiesa è la comunità di uomini e donne unita nel suo nome, per sviluppare un positivo senso di sé e sperimentare relazioni serene con gli altri, anche appartenenti a differenti tradizioni culturali e religiose.

  • Il corpo in movimento: riconosce nei segni del corpo l’esperienza religiosa propria e altrui per cominciare a manifestare anche in questo modo la propria interiorità, l’immaginazione e le emozioni. 

  • Linguaggi, suoni e colori: riconosce alcuni linguaggi simbolici e figurativi caratteristici delle tradizioni e della vita dei cristiani (segni, feste, preghiere, canti, gestualità, spazi, arte), per poter esprimere con creatività il proprio vissuto religioso. 

  • I discorsi e le parole: impara alcuni termini del linguaggio cristiano, ascoltando semplici racconti biblici, ne sa narrare i contenuti riutilizzando i linguaggi appresi, per sviluppare una comunicazione significativa anche in ambito religioso.

  • La conoscenza del mondo: osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, riconosciuto dai cristiani e da tanti uomini religiosi come dono di Dio Creatore, per sviluppare sentimenti di responsabilità nei confronti della realtà, abitandola con fiducia e speranza.

 

METODOLOGIA E ATTIVITA’

Al fine di favorire l’acquisizione dei valori religiosi, la scelta delle attività educative assume come base di partenza le esigenze, gli interessi e le esperienze che i bambini vivono in famiglia, nella scuola e nell’ambiente sociale. Nella scuola dell’Infanzia si fanno scoprire i concetti attraverso attività educative che tengano conto dei tempi di apprendimento del bambino e della bambina. Adottando il criterio della gradualità pedagogica, nel rispetto dei ritmi di sviluppo e di apprendimento di ciascun bambino, vengono favorite e promosse esperienze che valgono anche in ordine all’insegnamento della Religione Cattolica: 

• ascolto e comunicazione verbale (racconto di episodi tratti dal Vangelo, attività di osservazione (con immagini e poster); 

• utilizzo di schede da colorare; 

• conversazione e riflessioni guidate; 

• attività ludiche (giochi finalizzati a precise esperienze per far scoprire i concetti di fratellanza, pace, perdono, amicizia…),

• attività espressive (interiorizzare le esperienze fatte con dialoghi, canti, musiche e piccole drammatizzazioni); 

• attività grafico – pittoriche (acquisizione del concetto presentato attraverso disegni individuali con varie tecniche, cartelloni eseguiti in gruppo, ecc…).

 

NUCLEI DI APPRENDIMENTO:

ACCOGLIENZA  -  MI PRESENTO (mese di settembre)

 

  • Il bambino scopre il proprio nome come diritto primario ad essere riconosciuto

  • Il bambino consolida la propria identità

  • Il bambino scopre la scuola come spazio di nuovi incontri e amicizie 

  • Il bambino riconosce il valore dell’amicizia e il rispetto degli altri

 

NEL CUORE DELLA VITA (mese di ottobre - novembre)

 

  • Il bambino conosce la creazione 

  • Il bambino scopre le piccole e grandi meraviglie della natura

  • Il bambino conosce la figura di S. Francesco

 

NATALE, LA GIOIA CHE RIEMPIE LA VITA (mese di dicembre)

 

  • Il bambino coglie l'atmosfera di gioia e di festa che annuncia il Natale

  • Il bambino comprende il significato del presepe come tradizione cristiana per celebrare la nascita di Gesù 

  • Il bambino conosce i simboli natalizi

  • Il bambino conosce avvenimenti che precedono la nascita di Gesù

 

LA FAMIGLIA DI GESU’ (mese di gennaio – febbraio)

 

  • Il bambino conosce la famiglia di Gesù

  • Il bambino scopre le tappe della propria crescita e quelle di Gesù

  • Il bambino scopre che per crescere abbiamo bisogno degli altri

 

IL MIRACOLO DELL’AMORE (mese di marzo – aprile)

 

  • Il bambino conosce i segni e i simboli pasquali

  • Il bambino comprende la pasqua come “primavera” cioè vita nuova che nasce

  • Il bambino riconosce le trasformazioni e i cambiamenti della natura

 

UN CUORE GRANDE COME IL MONDO – MARIA MADRE DI GESU’ (mese di maggio)

  • Il bambino conosce Maria, mamma di Gesù e mamma nostra

  • Il bambino capisce l'importanza della figura materna

4elementi.jpg
scoiattoli.jpg

Didattica sezione PICCOLI